Twitter: altri dirigenti lasciano il social a seguito delle dichiarazioni di Musk

0
258
musk-twitter-foto

Twitter-Musk: altri dirigenti lasciano il social a seguito delle dichiarazioni dell’imprenditore in merito al numero di account falsi

Elon Musk ha sconvolto la vita di Twitter dal momento in cui ha deciso di entrare in gioco, acquistando il social network. Le mosse dell’imprenditore stanno mandando in crisi Twitter e tutto il mondo dei social media oltre che l’intero settore della Finanza, con la borse che vanno su e giù come le montagne russe.

Da quando ha dichiarato di bloccare l’acquisizione di Twitter perchè il social ha dichiarato dei numeri falsi circa il numero di account fake e bot (circa il 5%), l’azienda ha iniziato un via vai di dirigenti.

Notizia di oggi è l’abbandono di altri 3 executive di Twitter. A dare la notizia Bloomberg. Infatti, dopo il consumer product leader dell’azienda Kayvon Beykpour e l’head of revenue product Bruce Falck, fatti fuori dall’azienda e ritenuti “non necessari”, vanno via anche Katrina Lane, vicepresidente di Twitter Service, Max Schmeiser, head of data science e Ilya Brown, vicepresidente della gestione dei prodotti, di propria spontanea volontà.

Per ricapitolare la situazione: durante lo scorso fine settimana, Musk ha affermato che la sua acquisizione di Twitter da 44 miliardi di dollari era “sospesa” perché non credeva alla segnalazione ufficiale della SEC di Twitter, secondo cui meno del 5% del conteggio degli utenti attivi era costituito da profili falsi, avendo conteggiato invece il 20% di account fasulli, anche in risposta all’account Twitter @Teslarati:

L’attuale CEO di Twitter, Parag Agrawal, ha risposto pubblicamente alle critiche di Musk, spiegando il processo di valutazione dei suoi falsi numeri di utenti. Ma ad oggi Musk non ha alcuna intenzione di andare avanti nell’acquisizione della società, anche se per lo stesso imprenditore sudafricano non sarà così facile recedere, avendo rinunciato a varie misure di due diligence nella sua proposta di acquisizione di Twitter, al fine di accelerare la vendita.

Twitter infatti, dal canto suo, ha presentato oggi la sua dichiarazione preliminare di delega alla SEC per consolidare la vendita:

“Twitter si impegna a completare la transazione al prezzo e ai termini concordati il ​​prima possibile.”

Vedremo come andrà a finire una storia assurda, assolutamente da film.